14 Dicembre
Milano, Palazzo del ghiaccio

Andrea Armellini

Con sei figli il mondo della scuola lo sto vivendo da vicino ormai da parecchi anni, seguendo il radicale cambimento che la digitalizzazione sta portando: internet, cloud computing, tablet, eReader hanno determinato una trasformazione senza precedenti. Anche il modo di insegnare e le risorse didattiche stanno cambiando rispetto alla attività tradizionale. La passione per il mio lavoro, sviluppo software da oltre 20 anni, ha fatto il resto.

Nasce così Socloo, che si legge “so-clù” ed è l’acronimo di SOCiaL schOOl, la prima vera piattaforma italiana di social learning, ovvero che si ispira alle dinamiche dei social network e alle piattaforme di e-learning. E’ assolutamente gratuita e soprattutto sicura e protetta. Ambisce a dare una scossa alla scuola italiana, ad essere un supporto per il processo di digitalizzazione delle scuole e una spinta alla creazione delle classi digitali, un valido aiuto agli insegnanti che vogliono innovare la loro didattica. La tecnologia non sostituisce il ruolo dell’insegnante, ma è uno strumento d’appoggio per sviluppare le competenze dei ragazzi. Condivisione, collaborazione e partecipazione devono essere gli strumenti per applicare i nuovi paradgmi didattici.

Da qui una startup innovativa appena nata, un team di professionisti con l’obiettivo finale, ambizioso ma molto interessante, di creare un social network didattico che riunisca tutte le scuole italiane.

Nato nel 1972, e nato di nuovo nel 1980, quando ho avuto il mio primo Commodore VIC-20 in regalo. Da quel giorno sono stato un nerd di computer, programmazione orientata agli oggetti, algoritmi, design pattern e tanto tanto codice in Italia e all’estero.

Credo nelle idee e nella passione, nel lavoro ben fatto e che le persone fanno (ancora) la differenza!

socloo logo400x160

 

 

Tutti gli Speaker